Presentato al Winter Namm 2017, questo piccolo monofonico analogico di casa Korg è un prodotto molto interessante. Principalmente per il suono, dotato di un suo preciso carattere adatto a bass, lead e sequenze taglienti ed aggressive, ma anche liquide e di atmosfera.

Lo strumento è dotato di una tastiera mini a due ottave con una inedita estensione da Mi a Mi, sensibile alla velocity. L’involucro è metallico e sul pannello troviamo potenziometri, encoder e switch per il controllo di tutti i parametri, oltre ad un utilissimo display OLED con funzioni di oscilloscopio e uno slider con funzioni di pitch bend.

L’architettura

È basata su due VCO, il primo con sawtooth, triangle, square e funzioni di waveshaping, il secondo, trasponibile in ottava, con sawtooth, triangle e noise, con possibilità di sync/ring modulation, pitch modulation e waveshaping. È possibile applicare il generatore di inviluppo sia al pitch di entrambi gli oscillatori che al cutoff del filtro. L’LFO è dotato di 3 forme d’onda (saw, triangle e square) e può essere applicato al pitch, allo shape e al cutoff.

Punto di forza di questo synth è senz’altro il sequencer, monofonico a 16 step con la possibilità di essere programmato sia passo-passo che in tempo reale. Si possono inserire note slide e automatizzare la variazione dei parametri. È inoltre possibile trasporre al volo la sequenza, permettendo la creazione di sequenze più articolate pur avendo solo 16 step a disposizione. Una macchina che, grazie a queste peculiarità, si caratterizza per un utilizzo live con funzioni di groovebox.

Altra importante feature è data dalla possibilità di modificare il temperamento, grazie a 32 diversi preset di cui 20 impostati da Korg ed altri 12 a disposizione dell’utente.

Connessioni

Uscita cuffia jack 6.5 mm

Uscita audio jack 6.5 mm

Ingresso audio jack 6.5 mm

Sync IN, OUT mini jack

MIDI IN, OUT

Connessione USB tipo B

Conclusioni

Il Korg Monologue viene venduto, in 5 differenti colori, a 300 euro. Un prezzo a fronte del quale otteniamo un synth in grado di fornirci un suono interessante, un sequencer live-oriented con funzioni di motion sequencing e la possibilità di definire scale diverse. Possiamo usarlo per creare sequenze di basso, per atmosfere cangianti liquide o taglienti, possiamo usarlo per eseguire un lead solo, magari pilotato da una tastiera più suonabile di quella in dotazione, forse unica pecca del synth. In conclusione, tenendo presente la fascia di prezzo, uno strumento in grado di dare risposta alla domanda di un monofonico di carattere.

(Maurizio Alvino)

Sito ufficiale: http://www.korg.com/it/products/synthesizers/monologue/index.php

Annunci